cerificato del Hstorical research center relativo alla storia del cognome FABRIS

Traduzione

Il nome di famiglia Fabris è classificato tra quei nomi che hanno origine professionale. Si può dire che i cognomi più antichi e interessanti siano quelli che derivavano dall’occupazione di chi li portava. I cognomi derivati dalle professioni sono stati descritti dagli studiosi come “un inventario delle attività dell’Europa medievale”. Questi cognomi offrono una panoramica della vita quotidiana dei nostri antenati.

Considerando il cognome Fabris l’origine deriva da “fabbro”, alternativamente derivato dal latino “faber “ fabri”.

Tra le varianti: Fabbri, Fabbris, Fabri.

Una delle prime testimonianze di questo cognome riguarda Salvatore Fabris, un comandante militare menzionato nelle fonti nell’anno 1606.

Giovanni Battista Fabris fu nominato “Cavaliere” e Conte di un Palazzo Laterano dal Duca Sforza il 27 febbraio 1649.

Paolo Fabris si unì al nobile consiglio della città di Conegliano nel 1685.

Matteo Fabris figlio di Giacomo Fabris e sua moglie Cattarina, nacque nel 1761 a Roana in provincia di Vicenza.

Luigi Fabris nacque a Venezia nel 1838.

Eugenio Fabris figlio di Angelo Fabris e Angela Protti nacque il 31 gennaio 1861 a Cimolais, Udine.

Tra gli illustri ci fu Niccolò Fabris (1739-1801) prete, musicista e scienziato. Tra le sue invenzioni ci fu l’orologio che indicava simultaneamente l’ora di due paesi differenti.

Lo scultore Giuseppe Fabris 1790-1860, lavorò a parte del mausoleo di papa Leone XII così come alla statua di San Marco a Napoli.

Sotto la descrizione araldica dei Fabris di Venezia:

BLASONE DELLE ARMI: azzurro, tra due stelle a otto punte sopra e una croce alla base, una fascia

SIGNIFICATO:azzurro, rappresenta la regalità e verità

CIMIERO:aquila nera

ORIGINE:Italia